top of page

La storia di Alexia

USA LA TUA VOCE. PROPRIA LA TUA STORIA.

Alexia picture by Salma Kilaouy

Alexia Rowe è una drammaturga, compositrice e cantautrice originaria di Boston che attualmente vive nella North Shore del Massachusetts. Ha trascorso i suoi anni formativi come ragazzina missionaria nel Sud Africa post-apartheid, dove ha studiato arti visive e drammatiche e ha scritto, recitato e diretto oltre una dozzina di opere teatrali. Il suo lavoro più notevole fino ad oggi è una collaborazione con History Alive, Inc. su "This Is Not A Bill", che ha ricevuto molti premi, tra cui sovvenzioni dal Massachusetts Cultural Council e una nomination regionale per Best Play of 2019 da TodayTix e BroadwayWorld, così come le recensioni positive da un pubblico misto.

Soprano di coloratura e chitarrista autodidatta, Alexia scrive canzoni dall'età di 11 anni e ha una moltitudine di esperienze corali e di performance che risalgono ai suoi anni di scuola elementare. Ha studiato canto classico al Gordon College, il cui dipartimento di teatro è stato recentemente riconosciuto tra i 20 migliori programmi teatrali del college secondo la Princeton Review. Ha anche prodotto e ospitato il suo programma radiofonico settimanale, "The Unique Voices Club", per la Scot Radio del Gordon College per promuovere l'ascolto di artisti indipendenti. Laureata nell'agosto 2020, ha conseguito una laurea in arti teatrali, specializzandosi in teatro musicale e drammaturgia. Attualmente sta lavorando alla musica per il suo primo musical e, sebbene di formazione classica, conta come influenze musicali Amber Grey, Stevie Nicks, Kate Bush e Joan Armatrading.

Oltre a cantare e scarabocchiare idee per le trame, ad Alexia piace leggere, fare shopping dell'usato, la lingua gaelica irlandese e i cartoni animati degli anni '90.

ALEXIA IS A MEMBER OF THE DRAMATISTS GUILD OF AMERICA, MAESTRA MUSIC, INC. AND NATIONAL NEW PLAY EXCHANGE.

Alexia%20Rowe_Salma%20Kilaouy_Boston%20P
La mia missione artistica

“Vorrei raccontare storie che bramano di essere conosciute. Il mondo è pieno di storie che desiderano essere raccontate. Attraverso la collaborazione e l'esplorazione delle esperienze degli altri, possiamo davvero diventare una voce per i senza voce. Voglio che il mio pubblico provi qualcosa di più grande di se stesso all'interno del teatro che va oltre la sua conoscenza tangibile. Come persona con una mente creativa, credo che la creazione sia destinata a ramificarsi oltre i confini delle strutture che noi (e talvolta altri) ci imponiamo ".

bottom of page